martedì, Aprile 23, 2024

Arezzo ultimo in classifica, sconfitta pesante a Carpi (1-4)

I PIU' LETTI

CARPI (3-4-1-2): Rossini; Sabotic, Varoli, Venturi; Bayeye, Fofana, Ghion, Martorelli; Maurizi; Biasci, Giovannini. All. Sandro Pochesci

AREZZO (3-5-2): Tamma; Borghini, Baldan, Bonaccorsi; Mosti, Foglia, Males, Bortoletti, Maggioni; Cutolo, Pesenti. All. Alessandro Potenza

Marcatori: 4′ Bortoletti, 20′ e 61′ Biasci, 85′ Bellini, 89′ Ferretti

Adesso il tunnel è veramente senza luce. A nulla è valso il vantaggio iniziale di Bortoletti dopo solo 4′ minuti di gioco. La luce alla squadra amaranto si spenge al minuto 8′ quando Bonaccorsi si fa espellere. I numeri non mentono mai e dopo cinque partite giocate l’Arezzo si ritrova ultimo in classifica con un solo punto raccolto a Gubbio, 3 reti fatte e 11 subite. Bastano queste cifre per dire che la società deve correre ai ripari fino a che siamo in tempo. Se è vero che il campionato è ancora lungo le stagioni quando prendono una brutta direzione è bene metterle subito nella giusta carreggiata altrimenti il treno deraglia.  La società dovrà valutare bene la situazione, in primis quella di mister Potenza a rischio esonero immediato. I prossimi impegni, mercoledì il Padova e tra sette giorni il Matelica in trasferta spaventano, ma immaginare una classifica peggiore di questa è davvero troppo per la tifoseria amaranto.

LA PARTITA

Il match inizia nel migliore dei modi per l’Arezzo che dopo solo 4 minuti di gioco va in vantaggio con una rete di Bortoletti, cross dalla destra di Mosti trova libero il numero 20 dentro l’area di rigore che la piazza portando la squadra amaranto in vantaggio. Ottimo avvio della squadra aretina che al primo affondo si porta subito in vantaggio.

Dopo 4′ minuti l’Arezzo resta in dieci per l’espulsione di Bonaccorsi. Il giocatore amaranto perde la marcatura di Biasci ed è costretto a trattenere la punta in maglia bianca per un rosso inevitabile. L’Arezzo resta in dieci e sarà costretto a giocare 80′ minuti in inferiorità.

Il Carpi comincia a prendere in mano il gioco mentre l’Arezzo si compatta dietro. Al minuto 18′ arriva il primo pericolo dai piedi di Martorelli che colpisce la traversa con il destro. Passano due minuti e il Carpi si procura un calcio di rigore su fallo di mano in area di rigore di Maggioni. Rigore che viene trasformato dal numero 28 Biasci.

Ristabilita la parità il Carpi prova ad aumentare il ritmo della gara sfruttando la superiorità numerica. Tutto sommato l’Arezzo rischia ma non capitola e raggiunge gli spogliatoi al termine del primo tempo in parità. Da segnalare in tiro di Fofana per i carpigiani e una punizione di Cutolo calciata fuori.

Ripresa con il Carpi che mette nella mischia Carletti per aumentare la pressione in attacco e mister Potenza che sostituisce Maggioni con Nader sarà lui a commettere il secondo fallo da rigore. Deve essere la giornata delle ingenuità perchè nonostante l’inferiorità numerica l’Arezzo regala un secondo penalty. Il fallo è commesso dal nuovo entrato Nader che commette un fallo evitabile su inserimento di Ghion. Dal dischetto di nuovo Biasci che spiazza Tamma e porta il Carpi in vantaggio in una fase di gioco in cui l’Arezzo non sembrava soffrire troppo.

La partita con il vantaggio del Carpi è virtualmente chiusa l’Arezzo in dieci non riesce a fare male all’avversario. Il Carpi aumenta il bottino e segna la terza rete a cinque dal termine con una serpentina in area di Bellini che salta due uomini e infila Tamma e la quarta con l’ultimo entrato Ferretti che in area di sinistro mette la palla in porta.

L’Arezzo resta in nove negli ultimi minuti per l’infortunio di Picchi. Passivo pesantissimo per la squadra amaranto che adesso è ultima in classifica.

di Paolo Nocentini

Il Tabellino

CARPI – AREZZO  4 – 1 (Primo tempo  1 – 1)
Marcatori: 4′ Bortoletti, 20′ e 61′ Biasci, 85′ Bellini, 89′ Ferretti

CARPI (3-4-1-2): 22 Rossini; 13 Sabotic, 6 Varoli (46′ 9 Carletti), 23 Venturi; 19 Bayeye (75′ 17 Marcellusi), 21 Fofana, 16 Ghion, 11 Martorelli (67′ 25 Gozzi); 10 Maurizi; 28 Biasci (75′ 18 Ferretti), 15 Giovannini. A disposizione: 12 Rossi, 2 Danovaro, 5 Varga, 7 Ferri, 8 Bellini, 14 Sassi, 20 Offidani, 27 Rizdal. All. Sandro Pochesci

AREZZO (3-5-2): 12 Tamma; 5 Borghini (80′ 17 Di Nardo), 3 Baldan,28 Bonaccorsi (80′ 27 Merola); 2 Mosti, 8 Foglia, 4 Males (80′ 6 Picchi), 20 Bortoletti, 15 Maggioni (47′ 14 Nader); 10 Cutolo, 32 Pesenti (22′ 19 Cipolletta). A disposizione: 12 Loliva, 23 Gilli, 24 Sportelli, 25 Sussi, 18 Sane. All. Alessandro Potenza

Arbitro: Andrea Colombo di Como

Assistenti: Luca Feraboli di Brescia, Francesco D’Apice di Castellammare di Stabia
Quarto ufficiale: Andrea Bordin di Bassano del Grappa

Note: 8′ Espulso Bonaccorsi fallo da ultimo uomo
Ammoniti: 26′ Borghini
Recupero: pt. 1, st. 4′

Campionato serie C 2020/2021

5 Giornata

Sabato 17 ottobre

Matelica – Modena 2 – 1

Triestina – Ravenna 2 – 1

Virtus Vecomp Verona – Vis Pesaro 0 – 0

Feralpisalo – Sudtirol 0 – 1

Domenica 18 ottobre

Fano – Imolese 1 – 2

Carpi – Arezzo 4 – 1

Gubbio – Cesena 1 – 2

Perugia – Fermana 2 – 0

Sambenedettese – Mantova

Padova – Legnago

Classifica

Classifica Campionato serie C girone B 2020 /2021
Pos Squadra G V P S GF GS +/- P
1 Südtirol 5 3 2 0 9 2 7 11
2 Carpi 5 3 1 1 9 4 5 10
3 Matelica 5 3 1 1 8 5 3 10
4 Imolese 5 3 1 1 7 5 2 10
5 Modena 5 3 0 2 9 4 5 9
6 Feralpisalò 5 3 0 2 9 8 1 9
7 Triestina 5 3 0 2 5 5 0 9
8 Legnago 4 2 2 0 6 2 4 8
9 Virtus Verona 5 1 4 0 5 2 3 7
10 Padova 4 2 1 1 5 3 2 7
11 Sambenedettese 4 2 1 1 5 4 1 7
12 Cesena 5 2 1 2 7 9 -2 7
13 Perugia 5 2 1 2 7 9 -2 7
14 Mantova 4 2 0 2 8 6 2 6
15 Vis Pesaro 5 1 2 2 6 8 -2 5
16 AJ Fano 5 0 3 2 4 7 -3 3
17 Ravenna 5 1 0 4 3 10 -7 3
18 Gubbio 5 0 2 3 4 8 -4 2
19 Fermana 5 0 1 4 1 8 -7 1
20 Arezzo 5 0 1 4 3 11 -8 1

 

Prossimo Turno


Mercoledì 21 ottobre

Mantova – Matelica

Sudtirol – Carpi

Arezzo – Padova

Legnago – Perugia

Vis Pesaro – Triestina

Modena – Feralpisalò

Cesena – Fano

Fermana – Gubbio

Imolese – Sambenedettese

Ravenna – Virtus Verona

ULTIM'ORA

L’artigianalità e la riscoperta della bellezza con la formazione giovani

“Sostenibilità, artigianalità e umanità. Sono queste le parole che caratterizzano maggiormente la sfida più grande che oggi hanno i territori interni della nostra regione e dell’Italia, che possano dare l’esempio al mondo di come le cose belle e uniche si possono creare solo attraverso le mani sapienti dell’essere umano”. Con queste parole Denise Vangelisti parla del progetto attivato all’interno dell’azienda Freschi&Vangelisti sul fronte dell’artigianalità e sulla formazione di figure interne su tecniche antichissime di lavorazione dei metalli che sono quasi in via di estinzione come il micro mosaico e lo smalto a fuoco. Alcune ragazze che lavorano in azienda hanno […]

More Articles Like This