venerdì, Febbraio 23, 2024

Da Poppi 50 studenti in aiuto alla comunità alluvionata di Campi Bisenzio. Tizzi: “Un esempio per tutti”

I PIU' LETTI

Sono stati ben 50 i giovani casentinesi dei trienni del liceo scientifico, delle scienze umane e tecnico turistico del comune di Poppi, che sabato scorso sono partiti alla volta di Campi Bisenzio per dare il loro contributo: armati di tute, secchi e guanti hanno spalato fango per tutto il giorno in un parco giochi e un’area adiacente ad una palestra scolastica, andata completamente distrutta dopo l’alluvione di inizio mese. Una dimostrazione di solidarietà che ha colpito tutti, dalla dirigente scolastica Elisabetta Batini all’amministrazione comunale di Poppi.
 
“Vogliamo ringraziare ufficialmente i ragazzi delle nostre scuole di secondo grado per aver preso parte a questa iniziativa, nata da uno loro proposta e diventata un’esperienza di vita per tutti, un esempio importante di cittadinanza attiva – ha commentato l’assessore alla scuola nel comune di Poppi Giovanna Tizzi – gli insegnanti che li hanno seguiti ci hanno raccontato del loro coraggio e della loro instancabile voglia di lavorare il più possibile, senza sosta. Complimenti davvero a tutti coloro che hanno partecipato, dalla dirigente, agli insegnanti, fino alle famiglie e a tutta la macchina organizzativa che è stata messa in piedi. Questi sono gli esempi di giovani che vogliamo promuovere!”.
 
“E’ stata una bellissima opportunità di crescita personale e siamo molto orgogliosi che la proposta sia partita proprio dai ragazzi, molti dei quali non avevano mai fatto volontariato, ma inizieranno a farlo dopo questa esperienza – ha dichiarato la dirigente Batini – c’è stata una collaborazione generale, dai collaboratori scolastici, agli insegnanti, fino alle famiglie. La comunità di Campi Bisenzio ha apprezzato e ringraziato in modo sentito i ragazzi che hanno avuto un riscontro anche emotivo del loro lavoro”.


ULTIM'ORA

Lam Ambiente capofila di un progetto europeo per moduli abitativi a impatto zero

Lam Ambiente, azienda casentinese che si occupa di strutture in bioedilizia pubblica e privata, è capofila di un importante progetto europeo per la realizzazione di moduli abitativi a impatto zero per la protezione civile, realizzato in collaborazione con l’Università di Firenze, in particolare con un gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura.  Il progetto si chiama nZEM e il suo obiettivo è quello di favorire la cooperazione tra imprese e organismi di ricerca promuovendo lo sviluppo e la prototipazione di elementi costruttivi modulari e flessibili che sono realizzate per rispondere a varie esigenze funzionali e tecnico-normative come risparmio ed efficienza […]

More Articles Like This