venerdì, Febbraio 23, 2024

Fabio Mascagni è il nuovo presidente di Cna

I PIU' LETTI

Fabio Mascagni è il nuovo presidente di CNA Arezzo eletto all’unanimità dall’assemblea riunita giovedì 28 ottobre.

Sessantasei anni, titolare dell’azienda MF di Mascagni e Fagioli di Montevarchi specializzata in accessori in metallo per la pelletteria, il nuovo presidente è attivo in CNA dal 1978, anno di fondazione della sua azienda.

“Per me si tratta di una nomina inaspettata, sono in associazione da 43 anni e ho assunto diversi incarichi direttivi, partendo dai gradini più bassi. Mi ha gratificato molto il fatto che tutti i dirigenti siano stati d’accordo nel convergere sul mio nome, credo sia stata premiata la mia esperienza all’interno di CNA”.

Il ‘sì’ del neo presidente non è stato immediato: “Confesso che quando mi è stato proposto ho avuto un po’ di titubanza, poi ho avuto il benestare del mio socio e di mia moglie, allora ho pensato che fosse arrivato il momento di impegnarmi ancora di più nell’associazione”.

Mascagni sale al vertice di CNA in un momento molto delicato: “Siamo a una fase cruciale, per l’associazione e per l’economia in generale. Dobbiamo rimboccarci le maniche, e in questo senso il programma di mandato, frutto di un percorso di condivisione, partecipazione ed ascolto che ha visto protagoniste le aree territoriali di CNA, è la cornice ideale per far fronte alle esigenze di questa situazione mettendo in primo piano la tenuta degli artigiani e delle piccole e medie imprese del nostro territorio.

In particolare, condivido un percorso basato sul coinvolgimento dei dirigenti e delle vallate, mi aspetto aiuto e collaborazione da parte di tutti. La mia non sarà una presidenza che accentra, al contrario sarà basata sulla condivisione, sul gioco di squadra, nel migliore spirito associativo”.

ULTIM'ORA

Lam Ambiente capofila di un progetto europeo per moduli abitativi a impatto zero

Lam Ambiente, azienda casentinese che si occupa di strutture in bioedilizia pubblica e privata, è capofila di un importante progetto europeo per la realizzazione di moduli abitativi a impatto zero per la protezione civile, realizzato in collaborazione con l’Università di Firenze, in particolare con un gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura.  Il progetto si chiama nZEM e il suo obiettivo è quello di favorire la cooperazione tra imprese e organismi di ricerca promuovendo lo sviluppo e la prototipazione di elementi costruttivi modulari e flessibili che sono realizzate per rispondere a varie esigenze funzionali e tecnico-normative come risparmio ed efficienza […]

More Articles Like This