venerdì, Febbraio 23, 2024

Prorogata “La luce del pensiero” di Raffaello Lucci a Sansepolcro

I PIU' LETTI

Doveva concludersi domenica 1° novembre 2020, ma la Fondazione Piero della Francesca ha deciso di prorogare la mostra personale di Raffaello Lucci dal titolo “La luce del pensiero”, allestita nella Casa di Piero della Francesca di via Niccolò Aggiunti 71, a Sansepolcro (AR).

A causa delle recenti limitazioni imposte per arginare la diffusione del Covid-19, l’esposizione sarà visitabile nelle prossime settimane solo su appuntamento, telefonando allo 0575/740411 o scrivendo a info@fondazionepierodellafrancesca.it.

La mostra, inaugurata lo scorso 12 settembre e finora visitata da tanti turisti, è divisa in tre sezioni che approfondiscono i punti di contatto tra l’arte del genio biturgense e il lirismo astratto del pittore aretino.

“Cinque lettere a Piero” è composta da cinque lavori realizzati mediante incisione, pittura e riporto grafico di una parte del “De prospectiva pingendi”, in cui l’artista aretino dà una lettura personale di alcuni capisaldi pierfrancescani.

Il ciclo “Kyclos”, formato da sedici tele a tecnica mista e due acqueforti, è suggerito dalle stagioni dell’esistenza che sono ritmate dal tempo, dalla diversa luce delle ore del giorno e dalla scala musicale.

“Walls Postage”, infine, si ispira a riferimenti tematici condensati in frasi presenti nei singoli ex libris, a loro volta incollati sul retro di diciotto tele a tecnica mista.

A queste si aggiungono quattro acqueforti, che prendono il titolo dalle riflessioni del testo posizionato lungo il percorso espositivo

www.fondazionepierodellafrancesca.it

 

 

 

ULTIM'ORA

Lam Ambiente capofila di un progetto europeo per moduli abitativi a impatto zero

Lam Ambiente, azienda casentinese che si occupa di strutture in bioedilizia pubblica e privata, è capofila di un importante progetto europeo per la realizzazione di moduli abitativi a impatto zero per la protezione civile, realizzato in collaborazione con l’Università di Firenze, in particolare con un gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura.  Il progetto si chiama nZEM e il suo obiettivo è quello di favorire la cooperazione tra imprese e organismi di ricerca promuovendo lo sviluppo e la prototipazione di elementi costruttivi modulari e flessibili che sono realizzate per rispondere a varie esigenze funzionali e tecnico-normative come risparmio ed efficienza […]

More Articles Like This