venerdì, Luglio 19, 2024

Rifiuti tossici interrati nel sottosuolo, indagati due impreditori

I PIU' LETTI

Le fiamme gialle della compagnia di San Giovanni Valdarno, unitamente a personale dell’a.r.p.a.t. e dei Carabinieri Forestali, nonché con la collaborazione della sezione aerea del reparto aeronavale della guardia di finanza, di stanza a Pisa, hanno concluso un’operazione nel territorio valdarnese, con il sequestro di un’area di circa 400 mq, per violazioni alla specifica normativa a tutela dell’ambiente.

Il servizio trae origine da informazioni raccolte nel corso degli ordinari servizi svolti dai finanzieri, circa la presenza di alcuni illeciti ambientali, compiuti su alcune aree.

A seguito dei sopralluoghi e dei primi riscontri, integrati da mirate attività di polizia giudiziaria, i militari hanno interessato la Procura della Repubblica di Arezzo, segnalando la posizione di un’azienda del valdarno, operante nel settore della produzione e lavorazione di materiali per arredamento.

Grazie all’utilizzo di sofisticate e complesse apparecchiature “georadar”, e’ stata rilevata la presenza di materiale tossico, consistente in solventi e lastre di vetro piombato, appositamente interrato nel sottuosolo dell’area occupata dalla società, dove, di recente, sono stati effettuati lavori di ristrutturazione e di cementificazione, con conseguente sversamento di sostanze nocive.

L’attivita’ si e’ conclusa con il sequestro dell’area e con l’emissione di due avvisi di garanzia, da parte dell’autorità giudiziaria aretina, nei confronti di due soci-amministratori dell’impresa.

L’operazione rientra nel più vasto ambito dell’azione di vigilanza del corpo a contrasto degli illeciti, con riflessi economico-finanziari, svolta in sinergia con la componente aeronavale del corpo, nonche’ con la piena collaborazione delle altre forze di polizia e delle competenti istituzioni.

ULTIM'ORA

Gli imprenditori casentinesi scrivono all’Assessore regionale Baccelli sui cantieri della SR71

Gli imprenditori casentinesi uniti da undici anni nel progetto di Prospettiva Casentino a favore dei giovani e delle scuole della vallata, si uniscono all’appello dei sindaci Filippo Vagnoli, Federico Lorenzoni e Luca Santini in rappresentanza dei comuni di Bibbiena, Poppi e Pratovecchio Stia. Il gruppo degli imprenditori ha infatti deciso di scrivere a loro volta una lettera all’Assessore regionale Baccelli per chiedere, sulla scia della lettera dei sindaci, una migliore gestione dei cantieri sulla SR71 per evitare disagi primariamente alla popolazione, ma anche alle tante attività produttive della vallata che utilizzano questa importante arteria di collegamento verso il capoluogo provinciale. […]

More Articles Like This