sabato, Febbraio 24, 2024

Rifiuti tossici interrati nel sottosuolo, indagati due impreditori

I PIU' LETTI

Le fiamme gialle della compagnia di San Giovanni Valdarno, unitamente a personale dell’a.r.p.a.t. e dei Carabinieri Forestali, nonché con la collaborazione della sezione aerea del reparto aeronavale della guardia di finanza, di stanza a Pisa, hanno concluso un’operazione nel territorio valdarnese, con il sequestro di un’area di circa 400 mq, per violazioni alla specifica normativa a tutela dell’ambiente.

Il servizio trae origine da informazioni raccolte nel corso degli ordinari servizi svolti dai finanzieri, circa la presenza di alcuni illeciti ambientali, compiuti su alcune aree.

A seguito dei sopralluoghi e dei primi riscontri, integrati da mirate attività di polizia giudiziaria, i militari hanno interessato la Procura della Repubblica di Arezzo, segnalando la posizione di un’azienda del valdarno, operante nel settore della produzione e lavorazione di materiali per arredamento.

Grazie all’utilizzo di sofisticate e complesse apparecchiature “georadar”, e’ stata rilevata la presenza di materiale tossico, consistente in solventi e lastre di vetro piombato, appositamente interrato nel sottuosolo dell’area occupata dalla società, dove, di recente, sono stati effettuati lavori di ristrutturazione e di cementificazione, con conseguente sversamento di sostanze nocive.

L’attivita’ si e’ conclusa con il sequestro dell’area e con l’emissione di due avvisi di garanzia, da parte dell’autorità giudiziaria aretina, nei confronti di due soci-amministratori dell’impresa.

L’operazione rientra nel più vasto ambito dell’azione di vigilanza del corpo a contrasto degli illeciti, con riflessi economico-finanziari, svolta in sinergia con la componente aeronavale del corpo, nonche’ con la piena collaborazione delle altre forze di polizia e delle competenti istituzioni.

ULTIM'ORA

In Casentino i campionati mondiali di pesca

Lontana dagli echi e dalle polemiche sulle prossime Olimpiadi invernali, c’è un’Italia, che si attrezza ad ospitare eventi mondiali in una cornice di sostenibilità: è il caso del torrente Solano, in provincia di Arezzo, dove si sta lavorando per organizzare, dal 4 al 7 Aprile, il Campionato del Mondo di Pesca alla Trota con Esche Naturali per Nazioni e per Club, assegnato al comune di  Castel San Niccolò. “Il Contratto di Fiume Casentino H2O, sottoscritto nel Dicembre 2022,  è partito proprio dalla pesca sportiva – ricorda Serena Stefani, Presidente del Consorzio di bonifica 2 Alto Valdarno, capofila del percorso partecipativo  – La prima […]

More Articles Like This