Sabato 28 maggio Talla ricorda il partigiano casentinese Licio Nencetti

“Catturato in una imboscata e sottoposto a snervante interrogatorio e ad atroci torture, il casentinese Licio Nencetti non rivelò nulle di utile ai suoi aguzzini che lo condannarono a morte. Il suo contegno davanti al plotone di esecuzione fu talmente fiero e sublime che i componenti di questo, all’ordine di “fuoco!” non ebbero il coraggio di sparargli. Soltanto il comandante, colpendolo in bocca con la pistola, riuscirà a far tacere la sua voce fino all’ultimo inneggiante alla libertà della Patria”.

Lo ricordò così, nel 1990 il presidente della Repubblica Francesco Cossiga, che decretò la concessione, alla sua memoria, della massima ricompensa al valor militare. Il comune di Talla ricorderà Nencetti durante l’evento in programma sabato 28 maggio alle ore 16 in Piazza Licio Nencetti, dove interverranno: la consigliera Loredana Diegoli in rappresentanza dell’amministrazione comunale, lo storico Luca Grisolini, il presidente provinciale di Anpi Leno Chischi e per la Banca della Memoria Pierangelo Bonazzoli. Durante l’iniziativa, promossa dal comune di Talla in collaborazione con la Banca della Memoria e con l’associazione di promozione sociale Themenos, è prevista una camminata commemorativa per le vie del paese e la proiezione di interviste a partigiani casentinesi.

Licio Nencetti