venerdì, Luglio 19, 2024

Scuola, Marchetti (FI): «Con Pd e M5S dalla pandemia al pandemonio Ripetono la data come un mantra vuoto di spazi, banchi, docenti, regole»

I PIU' LETTI

«Sulla scuola tra Pd, M5S e sinistre varie si sta passando dalla pandemia al pandemonio. Ancora oggi la Regione si vede costretta a precisare che apriranno il 14 settembre, ma a 23 giorni da quella data pronunciata ormai come un mantra c’è il vuoto su spazi, banchi, docenti, regole di sicurezza. E non mi metto a dire dei trasporti, settore tutto da progettare reimmettendo flussi d’utenza massicci come quelli legati all’universo della scuola. Siamo senza mezzi, con flotte obsolete e perfino senza gestore definito grazie a questa giunta regionale targata Pd e Iv. O ipotizzano di far usare ai ragazzi il monopattino acquistato col bonus?»: l’affondo arriva dal Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, raggiunto in più occasioni e sempre più spesso dalla preoccupazione delle famiglie.

«Sui nostri figli e nipoti, poverini, nel loro diritto fondamentale che è quello alla scuola, allo studio e alla formazione sinistre e grillini stanno dicendo tutto e il contrario di tutto. Febbre a scuola e febbre a casa. Metro di distanza sì ma per meno di un quarto d’ora no. Lockdown per classi in caso di un positivo ma forse anche no. Mascherina in classe un momento serve e uno no. E i banchi a rotelle? Se sono un presidio di tutela della salute per i nostri ragazzi, vanno aspettate le forniture. Se non lo sono, hanno buttato via soldi. La verità è che si vuol riaprire – rimprovera Marchetti – ma non si sa da che parte rifarsi al cospetto di un sistema scolastico già carente di spazi, docenti, personale… con gli edifici non a norma che ora vanno non ampliati, bensì sostituiti con l’edilizia leggera. Ma qui di leggero c’è solo l’approccio a una materia complessa».

Marchetti apre il punto di vista alle implicazioni: «La scuola interagisce con molteplici aspetti della vita sociale individuale e collettiva. Dietro ai ragazzi soprattutto più piccini – incalza – ci sono famiglie in cui mamme e papà devono lavorare e ancora non sanno come dovranno organizzarsi, soprattutto dovendo nel contempo proteggere i nonni che fino a febbraio erano i baby sitter d’elezione di tanti alunni e studenti. Qui si rischia il patatrac. Per la vita delle persone, e per l’evento pandemico se non si governano i flussi di mobilità e stazionamento nei luoghi senza regole poche, chiare, certe».

 

 

ULTIM'ORA

Gli imprenditori casentinesi scrivono all’Assessore regionale Baccelli sui cantieri della SR71

Gli imprenditori casentinesi uniti da undici anni nel progetto di Prospettiva Casentino a favore dei giovani e delle scuole della vallata, si uniscono all’appello dei sindaci Filippo Vagnoli, Federico Lorenzoni e Luca Santini in rappresentanza dei comuni di Bibbiena, Poppi e Pratovecchio Stia. Il gruppo degli imprenditori ha infatti deciso di scrivere a loro volta una lettera all’Assessore regionale Baccelli per chiedere, sulla scia della lettera dei sindaci, una migliore gestione dei cantieri sulla SR71 per evitare disagi primariamente alla popolazione, ma anche alle tante attività produttive della vallata che utilizzano questa importante arteria di collegamento verso il capoluogo provinciale. […]

More Articles Like This