venerdì, Febbraio 23, 2024

Università di Siena: il corso di laurea in Lingue per la comunicazione interculturale e d’impresa di Arezzo organizza alcuni incontri il 26 settembre

I PIU' LETTI

Torna l’appuntamento con la “Giornata europea delle lingue”, iniziativa del Consiglio d’Europa e dell’Unione europea che si svolge ogni anno il 26 settembre per promuovere la diversità culturale e linguistica del nostro continente e l’apprendimento delle lingue.

Quest’anno il Corso di laurea in Lingue per la comunicazione interculturale e d’impresa dell’Università di Siena, con sede ad Arezzo, e il Centro di informazione Europe Direct dell’Ateneo organizzano gli eventi della Giornata interamente online, in collaborazione con Confindustria Toscana Sud – che sarà rappresentata dalla vicepresidente della Delegazione di Arezzo, Elisabetta Bragagni Capaccini – e con i Liceo Scientifico Copernico di Prato.

La giornata si concluderà con i laboratori sulle diverse lingue straniere. Oltre alle lingue europee – inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo – nel campus del Pionta si possono studiare anche il cinese e l’arabo. Nel laboratorio di russo, in particolare, si affronterà il tema della traduzione tecnica dall’inglese al russo in campo immobiliare ed edilizio e in quello di cinese si approfondirà l’argomento della mediazione.

La Giornata delle lingue sarà anche l’occasione, come ogni anno, per presentare i nuovi risultati della ricerca “Fregati dall’accento!”, sulla discriminazione linguistica nei contesti scolastici. Condotta nelle scuole secondarie di primo e secondo grado di Arezzo, Firenze e Prato, la ricerca vuole individuare quelle sottili forme di discriminazione connesse alla svalutazione degli accenti non nativi.

Il programma della giornata, che si aprirà alle ore 9, è pubblicato nel sito web del Dipartimento universitario www.dsfuci.unisi.it, mentre ci si potrà collegare ai seguenti link per seguire la sessione plenaria in videoconferenza e la diretta streaming: meet.google.com/mbx-ubuy-bcn, https://stream.meet.google.com/stream/86cad8d6-8ff1-4fd4-ae1b-93980e09a0ca

 

ULTIM'ORA

Lam Ambiente capofila di un progetto europeo per moduli abitativi a impatto zero

Lam Ambiente, azienda casentinese che si occupa di strutture in bioedilizia pubblica e privata, è capofila di un importante progetto europeo per la realizzazione di moduli abitativi a impatto zero per la protezione civile, realizzato in collaborazione con l’Università di Firenze, in particolare con un gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura.  Il progetto si chiama nZEM e il suo obiettivo è quello di favorire la cooperazione tra imprese e organismi di ricerca promuovendo lo sviluppo e la prototipazione di elementi costruttivi modulari e flessibili che sono realizzate per rispondere a varie esigenze funzionali e tecnico-normative come risparmio ed efficienza […]

More Articles Like This