sabato, Febbraio 24, 2024

Bibbiena: il Comune sostiene chi intende fare la quarantena in alloggi alternativi

I PIU' LETTI

Dopo le “Sei azioni per Bibbiena”, l’Amministrazione ritorna a far sentire la propria vicinanza ai lavoratori del territorio con una compartecipazione alle spese in caso di quarantena separata.

L’Assessore al sociale Francesco Frenos spiega così la manovra: “Si tratta di una compartecipazione ai costi sostenuti da coloro che, accertata la positività di un componente della famiglia, decidono di trascorrere la quarantena imposta dalle autorità sanitarie, in un alloggio alternativo alla propria abitazione per accorciare i tempi di isolamento”.

La compartecipazione da parte del Comune sarà nella misura del 50% del costo sostenuto dal cittadino disposto in quarantena e, comunque, per non più di 15,00 Euro al giorno.

Frenos continua a spiegare: “Si possono scegliere alberghi, agriturismi o stanze in affitto per allontanarsi dal proprio nucleo familiare in cui c’è una positività in atto, proprio allo scopo di accorciare i tempi e poter tornare prima al proprio posto di lavoro. Anche nel nostro territorio abbiamo riscontrato tanti casi del genere e con questo piccolo contributo vorremmo sostenere tutti i lavoratori”.

La compartecipazione verrà riconosciuta sotto forma di rimborso spese a fronte della presentazione all’ufficio per il sociale del Comune di Bibbiena delle attestazioni di avvenuto pagamento delle spese, che dovranno indicare anche il periodo di permanenza nell’alloggio e di altri documenti quali il documento sanitario che certifica la positività del congiunto e l’autodichiarazione del lavoratore.

L’Assessore al sociale conclude: “Quello dell’amministrazione vuole essere un ulteriore gesto di vicinanza nei confronti delle famiglie. Il nostro monitoraggio sulle condizioni dei nostri nuclei familiari è continuo e con questa manovra vorremmo proprio aiutare coloro che stanno optando per una situazione di quarantena preventiva alternativa per poter tornare prima la lavoro”.

ULTIM'ORA

In Casentino i campionati mondiali di pesca

Lontana dagli echi e dalle polemiche sulle prossime Olimpiadi invernali, c’è un’Italia, che si attrezza ad ospitare eventi mondiali in una cornice di sostenibilità: è il caso del torrente Solano, in provincia di Arezzo, dove si sta lavorando per organizzare, dal 4 al 7 Aprile, il Campionato del Mondo di Pesca alla Trota con Esche Naturali per Nazioni e per Club, assegnato al comune di  Castel San Niccolò. “Il Contratto di Fiume Casentino H2O, sottoscritto nel Dicembre 2022,  è partito proprio dalla pesca sportiva – ricorda Serena Stefani, Presidente del Consorzio di bonifica 2 Alto Valdarno, capofila del percorso partecipativo  – La prima […]

More Articles Like This