giovedì, Giugno 13, 2024

La provincia di Arezzo l’unica in Toscana selezionata per il progetto “p.un.t.a.c.capo” per il contrasto dello sfruttamento lavorativo degli immigrati

I PIU' LETTI

Silvia Chiassai Martini Presidente della Provincia dichiara :
“Un tema delicato e poco affrontato in modo concreto, per questo mi complimento con UGL per aver messo a segno un altro obiettivo importante, ovvero l’aggiudicazione di un bando europeo per il progetto “P.UN.T.A.C.CAPO.” dedicato alla prevenzione e al contrasto dello sfruttamento lavorativo in agricoltura degli immigrati e la loro integrazione nel territorio nazionale; come Presidente della Provincia di Arezzo non posso che ringraziare per aver scelto il nostro territorio a livello regionale.

Un progetto che mira a combattere una delle grosse piaghe della società contemporanea, quella del caporalato, un fenomeno fatto di illegalità e dello sfruttamento di tanti stranieri che entrano nel nostro territorio per lavorare. Troppo spesso si parla di integrazione ma non esiste un vero piano di gestione del fenomeno sotto molti profili.

La filiera agroalimentare è settore produttivo strategico sia a livello nazionale che per la nostra Provincia che vanta prodotti di eccellenza. Ringrazio ancora una volta UGL che ha riportato all’attenzione questo problema e per aver scelto la Provincia di Arezzo per la Toscana, per sviluppare un progetto finanziato con i fondi europei per contrastare lo sfruttamento, che possa diventare un modello da applicare in tutto il Paese.”

ULTIM'ORA

Perseguita le alunne con frasi a sfondo sessuale: prof sospeso

“Atti persecutori” nei confronti di alcune studentesse di un istituto di istruzione superiore. Ad esercitarli un insegnante 65enne nei confronti del quale i carabinieri della Sezione operativa della compagnia di Agropoli, in provincia di Salerno, hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare della “sospensione dall’esercizio della professione di insegnante”.  L’ordinanza, spiega una nota a firma del procuratore Vincenzo Palumbo, è stata richiesta dalla procura ed emessa dal gip del Tribunale di Vallo della Lucania. Le indagini sull’insegnante sono state avviate dopo la denuncia delle vittime e hanno permesso ai carabinieri di “ricostruire gli eventi e raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei riguardi dell’indagato che avrebbe assunto comportamenti […]

More Articles Like This