domenica, Aprile 14, 2024

Lorenza Ricci: “Perché i fotografi sono esclusi dai contributi a fondo perduto?”

I PIU' LETTI

È un grido d’allarme quello lanciato da Lorenza Ricci, portavoce CNA Fotografi sul settore penalizzato dall’emergenza e dalle disposizioni governative. “L’attività fotografica, durante il periodo di emergenza sanitaria, è proseguita ma, di fatto, il nostro settore legato alle varie tipologie di eventi è rimasto sostanzialmente fermo poiché la clientela di riferimento si è trovata nell’impossibilità di operare”.

Fa il punto sulle criticità del settore la portavoce CNA Fotografi, con un chiaro riferimento ai matrimoni: “La celebrazione dei matrimoni è stata per un certo periodo consentita con tante precauzioni e difficoltà di gestione. Molte coppie che avevano programmato la data nel 2020, hanno deciso di rinviarlo a tempi migliori per cui molti di noi rischiano di restare, per tutto il 2020 e per la prima parte del 2021, senza lavoro. Analogo discorso può essere fatto per tutti gli altri tipi di feste ed eventi che prevedono, a vario titolo, la partecipazione di pubblico”.

Stop al lavoro ma non alle spese.

“Tutti i fotografi hanno dovuto continuare a pagare le utenze, gli stipendi di dipendenti e collaboratori e le spese degli studi a fronte di un fatturato più che dimezzato ed in parecchi casi addirittura praticamente nullo. Oltre ad aver perso importanti opportunità lavorative, i professionisti del settore non hanno avuto, per il momento, indicazioni chiare per poter ripartire. In più l’indennità prevista per i mesi di marzo e aprile è stata rilasciata solamente ad alcuni professionisti: tutti i fotografi iscritti contemporaneamente all’INPS come artigiani e ad una cassa professionale privata, pur versando più contributi, non hanno potuto accedere all’indennità e non hanno ricevuto nulla”.

Una situazione drammatica a cui il Decreto Ristori non ha posto rimedio anzi, per assurdo, ha contribuito ad amplificare.

“Non si comprende la ragione per cui il Governo ha incluso tra i destinatari del contributo a fondo perduto chi organizza convegni e fiere, feste e cerimonie, chi noleggia attrezzature per manifestazioni e spettacoli e chi svolge attività di supporto alle manifestazioni artistiche, escludendo del tutto le attività fotografiche. Suona come una condanna a morte per l’intero settore che reclama sostegni utili a garantire i mancati introiti di questi mesi anche come forma di tutela del lavoro del fotografo professionista dalla concorrenza sleale di tanti abusivi”.

“E’ ora che la politica – conclude la portavoce dei Fotografi CNA – inquadri nel suo obiettivo il nostro settore e lo valorizzi, così come noi ogni giorno valorizziamo l’immagine di prodotti, eccellenze e territori del nostro Paese”.

ULTIM'ORA

Tornano gli appuntamenti di “Parole in circolo, quando la musica incontra il teatro”

Torna “Parole in circolo”, giunto alla seconda edizione, il ciclo di appuntamenti domenicali in stile teatro-canzoni organizzati dall’associazione culturale Paro Paro in collaborazione con Diesis Teatrango e il patrocinio del Comune di San Giovanni Valdarno. Gli eventi, che spaziano fra musica e teatro con quest’anno anche un focus sulla poesia, si svolgeranno nella sala La Nonziata in via Giovanni da San Giovanni, la suggestiva chiesa restaurata da Fabrizio Fabbrini. Primo spettacolo è in programma il 14 aprile alle 21 con “Canzoni contro la guerra” di e con Massi Fruchi e il maestro Johnatan De Sanctis. La domenica successiva, 21 aprile, […]

More Articles Like This