lunedì, Luglio 15, 2024

Sabato 17 ottobre la presentazione del disco di debutto del collettivo ARCO

I PIU' LETTI

Sabato 17 ottobre 2020 la Casa dell’Energia di via Leone Leoni, ad Arezzo, ospita la presentazione del disco “ARCO”, una commistione di folk ed elettronica attraverso il filtro delle parole, cantautorato sperimentale e racconto teatrale.

ARCO è un collettivo musicale con anime disparate. Alla realizzazione dell’album di debutto omonimo – prodotto a Torino dalla romana Ammiratore Omonimo Records – hanno partecipato musicisti della tradizione indiana, chitarristi metal, violinisti classici e nerd elettronici, dando vita a un concept album sull’apparente dualità dell’essere umano, la sua solitudine assieme terribile e meravigliosa vissuta attraverso l’incontro e lo scontro con la natura e la civiltà.

Il disco verrà presentato per la prima volta riarrangiato in quartetto con Andrea Guerrini alla voce, synth e chitarra acustica, Simone Lanari al basso, Filippo Manfredi Giusti alla batteria e Agnese Benini alla voce, synth e chitarra acustica.

ARCO è un’idea di Andrea Guerrini dopo le esperienze con le band Walden Waltz e Moondrive, con le quali ha suonato in Europa e Stati Uniti, e dopo lavori per la radio, per cui ha condotto programmi e pubblicato audio racconti. Nel 2019 il polistrumentista ha pubblicato anche il libro “Robert Wyatt – Folly Bololy” per Arcana Edizioni.

Il concerto inizierà alle ore 19 nel rispetto delle norme di sicurezza. A seguire dj set a opera del compositore elettronico Levo.

 

Dettagli: 

Titolo: ARCO

Label: Ammiratore Omonimo Records

Formato: LP/digitale

Release: 02 ottobre 2020

Web: http://arconti.bandcamp.com

Web: www.vonneumann.net/aor/

ULTIM'ORA

Incidente in moto a Pratovecchio Stia, 33enne ricoverato a Careggi

Il 118 dell’Asl Tse è stato attivato alle ore 14.33 per incidente moto lungo la SP 556, in località Pratovecchio Stia. Un uomo di 33 anni è stato trasportato in codice 2 all’ospedale Careggi con Pegaso 1. Sul posto sono intervenuti anche la Misericordia di Stia e le forze dell’ordine.

More Articles Like This