lunedì, Giugno 17, 2024

Un defibrillatore collocato all’ingresso della Fortezza Medicea

I PIU' LETTI

Un defibrillatore donato all’amministrazione comunale da Giacomo Romanelli, in memoria del padre Paolo, è stato collocato presso l’ingresso della Fortezza Medicea sul colle di San Donato, luogo che rivestiva una grande importanza affettiva per tutta la famiglia. La cerimonia si è svolta questa mattina alla presenza di Giacomo, della sorella Chiara e della madre Ivana.

Il dispositivo salva vita è in grado di garantire la sicurezza e l’incolumità pubblica per i numerosi utenti della Fortezza: riesce a guidare passo passo l’utilizzatore attraverso facili istruzioni vocali, è molto intuitivo da usare anche per personale non professionista e va ad arricchire la già cospicua dotazione di strumenti DAE nella provincia di Arezzo, che ne fanno uno dei territori più cardioprotetti d’Italia.

“Mio padre Paolo era un amante di Arezzo e soprattutto del centro storico – ha ricordato Giacomo Romanelli. Da ragazzino veniva spesso a giocare in Fortezza e da adulto ha continuato a frequentare questo luogo con immutato affetto. Qui è nato e cresciuto e per questo abbiamo voluto donare al Comune un defibrillatore indispensabile per assicurare assistenza a cittadini e turisti”.

“Sono un medico – ha aggiunto la sorella Chiara – e so bene quanto possa essere importante uno strumento del genere per salvare la vita delle persone. La tempestività dell’intervento, per una persona che ha bisogno di essere defibrillata, è decisiva e l’ho sperimentato tante volte durante la mia attività professionale. Il mio augurio è che questo defibrillatore non venga mai utilizzato ma ritengo doveroso che in ogni luogo frequentato da tanta gente, com’è la Fortezza, ce ne sia uno a disposizione della comunità”.

ULTIM'ORA

Ilaria Salis in Italia lunedì per il suo compleanno: compie 40 anni

È attesa in Italia per lunedì 17 giugno Ilaria Salis, la maestra 39enne che è tornata in libertà ieri, 14 giugno, in virtù dell’immunità che spetta agli europarlamentari. Salis, detenuta a Budapest dall’11 febbraio 2023 (su di lei pende l’accusa di aver aggredito e ferito due militanti di estrema destra), aveva ottenuto i domiciliari una decina di giorni fa e poi, ieri, alla luce dell’elezione al Parlamento europeo con Avs, è tornata in libertà ed è stata anche ‘liberata’ del braccialetto elettronico che le era stato messo nel passaggio dal carcere ai domiciliari. A questo punto, la 39enne può tornare […]

More Articles Like This