I farmaci/vaccini mRNA hanno aiutato la diffusione della variante Omicron?

di Stefano Pezzola

Un team di 19 scienziati del Regno Unito ha pubblicato uno studio sulla rivista Science che aiuta a spiegare perché i paesi con i più alti tassi di vaccinazione stanno vivendo il maggior numero di reinfezione con altre varianti di COVID-19.
Al seguente link è possibile consultare lo studio integralmente:
https://www.science.org/doi/10.1126/science.abq1841

Uno studio pubblicato in peer reviewed il 14 giugno 2022 già consultato e scaricato oltre 340 mila volte in meno di tre mesi.
Ciò che questo studio suggerisce, su cui molti medici e ricercatori hanno espresso preoccupazione, è che i vaccini a mRNA contro il COVID-19 e le dosi aggiuntive booster potrebbero rendere la nostra risposta immunitaria meno efficace contro la variante Omicron.
Se questo risponde al vero significa che il farmaco mRNA stesso sta portando a un’infezione diffusa.
Invece di fermare il virus, i dati sembrano confermare che i programmi di vaccinazione di massa in tutto il mondo stanno rendendo il virus piu’ resistente.
Come sottolineano gli scienziati britannici, i paesi con alti tassi di vaccinazione stanno vivendo un numero elevato di infezioni primarie e frequenti reinfezioni con SARS-CoV-2.
Al contrario, nei luoghi in cui le campagne vaccinali non sono state implementate, compresa la maggior parte dei paesi del continente africano, le persone non vengono infettate.

Alla ricerca del motivo per cui le popolazioni più vaccinate stanno ricevendo il maggior numero di infezioni da Omicron, gli studiosi si sono concentrati sui professionisti più vaccinati ovvero il personale medico a cui sono state somministrate le due dosi di farmaco a mRNA e la dose aggiuntiva booster.
Per scoprire cosa sta succedendo a livello cellulare con questi operatori sanitari altamente vaccinati, gli scienziati hanno tenuto traccia dei diversi tipi di immunoglobina nel sangue dei partecipanti.
L’immunoglobina (Ig), nota anche come anticorpo (Ab), trova virus, batteri e simili e porta il sistema immunitario a rispondere in modo appropriato.
Gli scienziati hanno identificato diversi tipi di immunoglobuline, ognuna delle quali guida la risposta immunitaria in modo diverso per diverse fasi e tipi di infezione.
IgG4 è la forma di immunoglobina che attiva una risposta di tolleranza nel sistema immunitario, per le cose a cui sei stato esposto ripetutamente e non è necessario contrarre una risposta infiammatoria.
Questo è utile se stai cercando di evitare la sensibilità immunitaria a un alimento, per esempio.
Ma non è il tipo di risposta immunitaria per la quale i vaccini COVID-19 sono stati progettati e creati.
Gli apicoltori, quando vengono ripetutamente punti dalle api, maturato una risposta IgG4 all’assalto al loro sistema immunitario.
Fondamentalmente, i loro corpi imparano che il veleno d’api non è pericoloso e la loro risposta immunitaria al veleno d’api diventa una risposta IgG4, quindi sono in grado di tollerare molto bene le punture.
Mentre il veleno d’api stesso non danneggerà il corpo, la risposta infiammatoria del corpo può essere pericolosa.
Se il corpo reagisce in modo eccessivo e sviluppa una risposta generalizzata in cui l’infiammazione stessa mette a repentaglio la respirazione di una persona, la risposta immunitaria può essere letale.

Lo studio dimostra in modo inequivocabile come le vaccinazioni ripetute stiano causando una maggiore suscettibilità delle persone al COVID-19.
Le dosi iniziali del vaccino hanno portato alle classiche risposte immunitarie infiammatorie. L’infiammazione è una parte fondamentale di una risposta immunitaria (a un vaccino o a un’infezione), ed è responsabile della maggior parte di ciò che si sente quando si è malati: febbre, dolori, letargia, ecc.
Questa infiammazione è il motivo per cui potresti sentirti male se ricevi un vaccino antinfluenzale e perché il vaccino COVID-19 è diventato famoso per far sentire le persone così male per alcuni giorni.
Il tuo corpo sta producendo una risposta infiammatoria alle proteine COVID-19.

Ma cosa succede nel corpo dopo che hai avuto due vaccini e poi ti vengono inoculate ulteriore dosi?
Gli scienziati hanno scoperto che dosi successive dei vaccini a mRNA iniziano ad abituare o desensibilizzare i soggetti alle proteine COVID-19, migrando la loro risposta immunitaria per essere dominati dalla forma IgG4, che essenzialmente insegna al corpo a tollerare le proteine.
La risposta immunitaria in altre parole viene effettivamente disattivata, rendendo i pazienti ancora più vulnerabili all’infezione e meno propensi a sviluppare una risposta ad essa rispetto a coloro che non sono mai stati vaccinati.
Quando sei esposto a un raffreddore o a qualsiasi altro virus ripetutamente, ciò che accade con l’esposizione naturale, è che non sviluppi una tolleranza ad esso ed il tuo corpo lo combatte senza che tu lo sappia.
Il tuo corpo sta usando la normale risposta immunitaria che combatte la malattia poiché riconosce l’agente infettivo.
Questo è il motivo per cui quando sei naturalmente esposto a molte malattie, ottieni un’immunità permanente.

Al contrario, questo nuovo accurato studio dimostra che le ripetute iniezioni di farmaco mRNA stanno abituando il corpo al virus, in modo che il corpo stesso non lo riconosca più come qualcosa di pericoloso.
Quindi gli studiosi concludono che il farmaco mRNA e il programma di richiami finiscono per fare l’opposto di ciò per il quale forse erano destinato a fare ovvero impedire alle persone di ammalarsi.
Le dosi di richiamo mantengono le persone malate.
Da un lato lo studio suggerisce che i vaccini stanno aiutando il sistema immunitario del corpo a non reagire in modo eccessivo al virus.
Il virus in sé non stava uccidendo le persone: era l’interazione del virus con il sistema immunitario dei pazienti che causava infezioni gravi e talvolta letali, poiché il sistema immunitario reagiva in modo eccessivo a un nuovo virus.
D’altra parte, l’immunità acquisita naturalmente sembra essere più forte dell’immunità acquisita dal vaccino e le reazioni avverse ai vaccini stessi, specialmente per i giovani, suggeriscono che i rischi della vaccinazione superano di gran lunga i benefici.

Se i vaccinati stanno ora contraendo facilmente il virus ma avendo solo reazioni lievi perché il loro sistema immunitario sta dicendo loro di tollerarlo, questo potrebbe essere stato un beneficio per la vaccinazione?
Le dosi di richiamo non sono mai state necessarie per produrre tolleranza: lo studio ha dimostrato che i soggetti hanno iniziato a sviluppare tolleranza dopo solo due dosi.
I vaccini potrebbero aver contribuito a desensibilizzare la popolazione a risposte immunitarie infiammatorie dannose a COVID-19.
Hanno forse inizialmente fatto la loro parte.
Non è necessario continuare con booster successivi.

Facebook Comments Box