venerdì, Febbraio 23, 2024

L’Istituto di Riabilitazione di Agazzi comunica che alcuni operatori e ospiti sono risultati positivi al covid

I PIU' LETTI

L’Istituto di Riabilitazione di Agazzi comunica che durante la ordinaria attività di sorveglianza epidemiologica per Coronavirus sono stati riscontrati casi di positività tra propri operatori ed ospiti della struttura socio-sanitaria per disabili intellettivi.

Come previsto dalla regolamentazione della ASL Toscana Sud est, con cadenza quindicinale e mensile vengono effettuati esami sierologici e tamponi nasofaringei ad operatori ed ospiti delle strutture socio-sanitarie. La settimana scorsa, nell’ambito di tali attività di monitoraggio sono risultati positivi quattro operatori dell’Istituto, tutti asintomatici. Un quinto operatore, risultato negativo, avendo poi presentato sintomi febbrili, ha effettuato un ulteriore tampone con esito positivo. A seguito di ciò sono stati anticipati i previsti tamponi nasofaringei per tutti gli ospiti della struttura, che hanno evidenziato la positività per ventitré utenti, quasi tutti asintomatici (solo tre persone presentano febbre moderata). Altri utenti, con tampone debolmente positivo, asintomatici, sono in attesa del risultato del secondo tampone.

A fronte di tale situazione è stato applicato il piano di lavoro predisposto dallo scorso agosto in accordo con la ASL locale, che prevede di collocare le persone con tampone positivo in un piano specifico dell’Istituto con personale dedicato.

Le famiglie degli assistiti sono state tutte informate e riceveranno gli aggiornamenti quotidiani insieme alla possibilità di comunicare direttamente con i congiunti attraverso telefonate e videochiamate.

ULTIM'ORA

Lam Ambiente capofila di un progetto europeo per moduli abitativi a impatto zero

Lam Ambiente, azienda casentinese che si occupa di strutture in bioedilizia pubblica e privata, è capofila di un importante progetto europeo per la realizzazione di moduli abitativi a impatto zero per la protezione civile, realizzato in collaborazione con l’Università di Firenze, in particolare con un gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura.  Il progetto si chiama nZEM e il suo obiettivo è quello di favorire la cooperazione tra imprese e organismi di ricerca promuovendo lo sviluppo e la prototipazione di elementi costruttivi modulari e flessibili che sono realizzate per rispondere a varie esigenze funzionali e tecnico-normative come risparmio ed efficienza […]

More Articles Like This