sabato, Febbraio 24, 2024

Pegaso d’oro ai ricercatori di Toscana Life Sciences, che hanno isolato anticorpi anti-Covid19

I PIU' LETTI

Il neo-presidente della Toscana Eugenio Giani nel corso della cerimonia del passaggio di consegne dal presidente uscente Enrico Rossi a lui, ha annunciato la decisione di conferire il Pegaso d’oro, simbolo e massimo riconoscimento della Regione Toscana, ai ricercatori della Fondazione Toscana Life Sciences di Siena che, partendo da 30 sacche di sangue di persone contagiate da Covid-19 in cura all’ospedale Spallanzani di Roma ed alle Scotte di Siena, sono riusciti ad ottenere anticorpi monoclonali che sembrano neutralizzare il virus.

La Regione Toscana è il principale finanziatore ed uno dei soci fondatori della Fondazione Toscana Life Sciences, presieduta dall’ingegnere biomedico Fabrizio Landi. Già nella tarda serata di ieri il presidente Giani si è recato a sorpresa a visitare il team di giovani ricercatori, guidati dal professor Rino Rappuoli, per vedere di persona i risultati ottenuti.

“Si tratta di un evento storico – ha detto il presidente – che rappresenta un fondamentale passo avanti nella costruzione di un farmaco efficace  nella lotta al Covid-19. Per ringraziare la Fondazione Toscana Life Sciences e ricordare l’immensa importanza che ha per la Toscana il mondo della ricerca, ho deciso di conferire ad essa ed ai professori Landi e Rappuoli che sono a capo del progetto, il Pegaso d’oro simbolo della Regione”.

“Questi giovani ricercatori, che hanno raggiunto risultati importantissimi, rappresentano letteralmente il futuro della Toscana – ha aggiunto Giani – ho voluto condividere con loro l’emozione dei primi risultati: gli anticorpi raccolti, testati su cavie animali, si sono mostrati efficaci sia nella prevenzione che nella cura del virus Covid-19. Se la terapia avrà successo anche nella sperimentazione sull’uomo, potremmo sperare in un farmaco entro i primi mesi del nuovo anno. E la Toscana sarà pronta ad aiutare il mondo intero nel contenimento della pandemia”.

ULTIM'ORA

In Casentino i campionati mondiali di pesca

Lontana dagli echi e dalle polemiche sulle prossime Olimpiadi invernali, c’è un’Italia, che si attrezza ad ospitare eventi mondiali in una cornice di sostenibilità: è il caso del torrente Solano, in provincia di Arezzo, dove si sta lavorando per organizzare, dal 4 al 7 Aprile, il Campionato del Mondo di Pesca alla Trota con Esche Naturali per Nazioni e per Club, assegnato al comune di  Castel San Niccolò. “Il Contratto di Fiume Casentino H2O, sottoscritto nel Dicembre 2022,  è partito proprio dalla pesca sportiva – ricorda Serena Stefani, Presidente del Consorzio di bonifica 2 Alto Valdarno, capofila del percorso partecipativo  – La prima […]

More Articles Like This