lunedì, Giugno 17, 2024

Isolamento Covid: si può continuare a chiedere certificato Asl da presentare in Comune per votare a domicilio

I PIU' LETTI

In attesa di chiarimenti da parte del Ministero dell’Interno, i cittadini in isolamento domiciliare per il Covid che vogliono esercitare il diritto di voto possono chiedere il certificato Asl che attesta tale stato anche in questi giorni e quindi oltre il termine del 15 settembre inizialmente previsto.

I cittadini che intendono votare e che in quanto in isolamento non possono andare al seggio, devono collegarsi al sito della Asl Tse e in particolare al link https://www.uslsudest.toscana.it/richiesta-certificato-covid-per-elezioni.
Qui possono compilare il modulo online per richiedere il certificato da presentare al Comune per la votazione a domicilio. Il certificato arriverà al cittadino nel più breve tempo possibile. Appena ricevuto, il cittadino dovrà far pervenire il certificato della ASL all’Ufficio elettorale del Comune nei cui elenchi elettorali è iscritto.
Il 20 e il 21 settembre operatori sanitari si presenteranno al domicilio per raccogliere il voto  in sicurezza: saranno le USCA della Usl Tse. Fino alle ore 10 di  stamani all’Asl Toscana sud est sono giunte 108 richieste di certificazione. In grande parte dalla provincia di Arezzo: 86. Poi 9 da Grosseto e 6 da Siena.  Alcune richieste sono infine per Comuni al di fuori dell’ambito della Asl Tse. Tutte le richieste sono verificate dal Dipartimento di prevenzione della Asl Tse.
Per l’esercizio del diritto di voto, l’Asl Tse ha deciso di mettere a disposizione dei votanti a domicilio nelle tre province 26 USCA, unità composte da due sanitari dell’azienda e da un volontario dell’associazionismo. Complessivamente saranno quindi 78 le persone impegnate in questo servizio il 20 e il 21 settembre.

ULTIM'ORA

Ilaria Salis in Italia lunedì per il suo compleanno: compie 40 anni

È attesa in Italia per lunedì 17 giugno Ilaria Salis, la maestra 39enne che è tornata in libertà ieri, 14 giugno, in virtù dell’immunità che spetta agli europarlamentari. Salis, detenuta a Budapest dall’11 febbraio 2023 (su di lei pende l’accusa di aver aggredito e ferito due militanti di estrema destra), aveva ottenuto i domiciliari una decina di giorni fa e poi, ieri, alla luce dell’elezione al Parlamento europeo con Avs, è tornata in libertà ed è stata anche ‘liberata’ del braccialetto elettronico che le era stato messo nel passaggio dal carcere ai domiciliari. A questo punto, la 39enne può tornare […]

More Articles Like This